UN’APE IN CITTA’

UN’APE IN CITTA’
LUOGHI, INIZIATIVE, LETTURE, EVENTI


WASHOKU LA COLORATA VITA ALIMENTARE DEI GIAPPONESI
Una piccola, curiosa, interessante e allegra mostra organizzata dall’lstituto di Cultura Giapponese a Roma sulle tradizioni, le abitudini, i riti, i prodotti alimentari e le preparazioni della cucina giapponese. Un mosaico di colori e di immagini che raccontano i cibi degli anniversari, delle feste, delle ricorrenze, quelli di buon augurio e quelli che vengono associati a particolari momenti della vita, ma anche quelli che fanno parte dell’alimentazione di tutti giorni. La cultura alimentare tradizionale dei giapponesi di matrice salutista, il WASHOKU, è una pratica sociale basata su un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni legate alla produzione, trasformazione, preparazione e consumo di cibo ed è stata dichiarata Patrimonio Culturale Immateriale dell’Unesco nel 2013. La pratica favorisce il consumo di vari ingredienti naturali di provenienza locale, come riso, pesce, verdure, frutti e piante selvatiche commestibili. Le conoscenze di base e le competenze legate a questa cultura dell’alimentazione, quali il giusto condimento della cucina casalinga, sono tramandate in casa durante i pasti condivisi. Il menù tradizionale prevede riso, misoshiru o zuppa, contorno e tsukemono, verdure marinate.
Nelle sale dell’elegante edificio in cui si trova l’Istituto culturale giapponese sono esposti, riprodotti su pannelli con le didascalie esplicative, i piatti divisi per tipologie: quelli a base di riso, i brodi e le zuppe, il pesce e le verdure, i legumi e i dolci, con le spiegazioni dei legami di ogni piatto con la vita e le tradizioni dei giapponesi. Alcuni di essi sono coinvolti in giochi di parole, come lo shusseuo, “pesce in carriera”, associato ad avanzamenti di carriera o cambiamenti epocali.

Un angolo della mostra è dedicato alla scatola-vassoio HAKOZEN: in uso dal periodo EDO (1603-1868) e fino a 60 anni fa ogni membro della famiglia aveva la propria razione nella scatola che aperta diventava una specie di tavolino.
Nell’altrettanta curiosa rassegna Food Cinema un panorama cinematografico giapponese legato al tema Japan Food Culture.
Fino al 19 aprile 2017

OMAGGIO AL PAESAGGIO ITALIANO alla Casa dell’Architettura a Roma
Martedì 22 settembre
alle oe 18:00 inaugurazione della quinta tappa della Mostra LAND 25+1 “Omaggio al Paesaggio Italiano” presso la prestigiosa sede Casa dell’Architettura in Piazza Manfredo Fanti, 47 Roma, con Giovanni Sala e Andreas Kipar che illustreranno le strategie di valorizzazione territoriale sviluppate dalla Società Land a fianco di privati e pubbliche amministrazioni negli ultimi 25 anni, anche nella città di Roma.

L’ORATORIO DI CASTRO E LA GALLERIA D’ARTE MODERNA DI ROMA
La Giornata Europea della Cultura Ebraica, che si è celebrata domenica 14 settembre, è stata l’occasione per conoscere due bellissimi luoghi di Roma.
A via Cesare Balbo, una delle strade più affascinanti di Roma, l’Oratorio di Castro ha festeggiato il suo Centenario con un programma di eventi che si è concluso con il concerto dell’Orchestra Ozen. L’Oratorio venne costruito nel 194 per volontà e grazie ad un lascito di Grazie Pontecorvo, vedova di Salvatore Di Castro. Un bel libro, curato da Claudio Procaccia, Direttore del dipartimento beni e attività culturali presso la Comunità Ebraica di Roma, ne racconta la storia. (video RAI).
A via Francesco Crispi la Galleria d’Arte Moderna di Roma, che ora ha sede nell’ex convento delle Carmelitane Scalze a S. Giuseppe Capo le Case, raccoglie la collezione degli artisti che, tra la fine dell’Ottocento e il secondo dopoguerra, hanno caratterizzato l’ambiente artistico romano e ospita la mostra “Artiste del Novecento tra visione e identità ebraica”.

BERLINO, IL PARCO DI GLEISDREICK
Un parco di 26 ettari in un’ex area ferroviaria. Il Parco di Gleisdreick a Berlino nasce nel 2011 da una trasformazione in area a verde pubblico della superficie un tempo occupata da infrustrutture ferroviarie abbandonate dopo la caduta del muro di Berlino.
Andrea D’Addio “scrittore e giornalista di fatto, almeno finché dura” che vive a Berlino dal 2009 e pubblica, come blogger dalla città, sul sito Zingarate, ci racconta la storia della nascita di questo affascinante parco urbano, risultato dell’intervento pubblico con la partecipazione dei cittadini, intorno ad un progetto, iniziato nel 2006, che ha voluto conservare la memoria, innovando uno spazio destinato al degrado.
Anche in questo caso potremmo imparare e, nel frattempo, accogliere l’invito della città e andarci a passeggiare...

PANTIN, A DUE PASSI DA PARIGI
Pantin è un comune francese di circa 52 mila abitanti situato nel dipartimento della Senna-Saint-Denis nella regione dell’Île-de-France, a poca distanza da Parigi.
Il sito ufficiale del comune parla di “servizi a servizio del cittadino”, di strutture e iniziative dedicate alla promozione delle arti e della cultura (teatro, danza, lettura, cinema), dello sport e delle attività legate al tempo libero, di vita di quartiere e di animazione sociale (progetti, case di quartiere, laboratori, incontri musicali, visite culturali), della qualità della vita (trasporti pubblici, aree a verde, raccolta dei rifiuti, tranquillità e sicurezza cittadina).
Una sezione dedicata illustra il Piano di Urbanizzazione Locale, fornendo informazioni sulle regole da rispettare per chi vuole ” demolire, costruire, abbellire, trasformare, valorizzare” edifici e immobili, mentre in un’altra sezione si parla di “Democrazia partecipativa” e di Consigli di quartiere, di giovani e di bambini.
Pantin ci racconta di una città in trasformazione, che considera la città come uno spazio collettivo dove realizzare progetti “ecocompatibili”, un luogo dove si “inventa un altro modo di affrontare la pianificazione urbanistica”, un luogo dove vivere bene insieme, in modo “dinamico e solidale”.
Volendo, potremmo imparare qualcosa……oppure, in alternativa, chiedere di diventare cittadini di Pantin!

ART FORUM WURTH CAPENA
A pochi chilometri da Roma, in un’area dalla quale un tempo decollava il famoso dirigibile targato Goodyear, è sorto un luogo molto particolare, ad opera di un industriale tedesco, proprietario della catena internazionale Wurth, azienda leader nella distribuzione mondiale di materiale professionale per il montaggio e il fissaggio, destinato a professionisti del mondo artigianale, industriale e dell’edilizia.
La sede centrale del Gruppo Wurth, presente in 84 paesi con più di 400 Aziende, venne fondata nel 1945 con sede a Künzelsau nel Baden Württemberg da Adolf Würth, vero pioniere del settore. Dal 1954, dopo la sua prematura scomparsa, fu il giovanissimo figlio Reinhold Würth a prendere in mano le redini della ferramenta del padre, dove era entrato a lavorare sin dall’età di 14 anni. Appassionato di arte, Reinhold Wurth possiede una colllezione di circa 16.000 opere d’arte, che espone nei numerosi spazi collegati alle sue aziende, tra i quali l’Art Forum Wurth Capena. Ogni mostra è accompagnata da attività didattiche per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie e da visite guidate al magazzino automatizzato. L’ingresso è gratuito e dal lunedì al venerdì è possibile usufruire del servizio di mensa aziendale. Un bar, un book shop e un punto vendita al dettaglio completano l’offerta per i visitatori. Fino al 24 gennaio è possibile visitare la mostra “La transavanguardia tra Lupertz e Paladino”, 60 opere dalla collezione privata Wurth.“Le fabbriche di bene”
Due scritti di Adriano Olivetti, del 1951 e del 1945, che si interrogano sia sul senso profondo del lavoro umano, sia sulle forme e sui modi per rendere la fabbrica un bene di tutta la comunità. Il libro, presentato da Gustavo Zagrebelsky, in uscita il 12 febbraio 2014 per la Collana Humana Civilitas delle Edizioni di Comunità, segue le precedenti pubblicazioni edite nella Collana Humana Civilitas: “Ai Lavoratori”, presentata da Luciano Gallino; “Democrazia senza partiti” presentata da Stefano Rodotà e “Il cammino della Comunità” presentata da Salvatore Settis.
www.fondazioneadrianolivetti.it

LA MIA PARIGI
“La mia Parigi, i miei ricordi”. Un bel libro di Edgar Morin che può divertire e emozionare chi, come me, ama Parigi. Una bella recensione dell’amica Mirella Serri mi ha incuriosito e, sempre approfittando dei miei viaggi in metropolitana, l’ho letto. Edgard Morin ripercorre luoghi, personaggi, eventi storici, immagini cinematografiche, vicende personali e sentimentali, che hanno segnato i tanti anni vissuti nella città che gli ha conferito la cittadinanza onoraria, raccontando “l’epopea” di quella che definisce “piccola isola sulla Senna” e che lui, come tanti di noi, hanno nell’anima e nel cuore.

LA RETE  DEI DRAGHI
Mercoledì 4 dicembre 2013 è stata inaugurata al MACRO di Roma l’opera Harmonic Motion/Rete dei draghi dell’artista giapponese Toshiko Horiuchi MacAdam, “una grande scultura tessile che si trasforma in un playground colorato, intrecciando arte e gioco, tradizione e modernità, colori e movimento”.
L’opera è stata realizzata per la settima edizione del progetto Enel Contemporanea a cura di Francesco Bonami e sarà allestita al MACRO fino a dicembre 2014.

MUSEO DI FAMIGLIA
Al Museo Ebraico di Roma l’esposizione delle donazioni della Famiglia Alatri alle Cinque Scole nel corso dei Secoli XVII e XVIII. L’iniziativa “Museo di Famiglia” vuole offrire l’opportunità di vedere oggetti, tessuti, arredi sacri, quadri, testi, pubblicazioni, documenti e altro, normalmente non visibili al pubblico.
Museo di famiglia-donazioni
Museo di famiglia-donazioni 2
Museo Ebraico-Le donazioni della famiglia Alatri (Corriere della Sera)

PITIGLIANI KOLN’NO FESTIVAL 2013
Si è tenuto dal 2 al 6 novembre presso la Casa del Cinema e al Circolo Pitigliani di Roma l’edizione 2013 del Pitigliani Kolno’a Festival, sotto la direzione artistica di Dan Muggia e Ariela Piattelli. Una serie di film e documentari di grande suggestione e interesse. Tra i tanti: Room 514 primo film del regista Sharon Bar-Ziv , nato a Tel Aviv nel 1966, che racconta il confronto tra una giovane investigatrice e un ufficiale dell’esercito accusato di aver oltrepassato i limiti della sua autorità con i coloni arabi; Let’s Dance di Gabriel Bibliowicz, un documentario sulle radici e sulle origini della danza contemporanea israeliana, sviluppatasi in un paese difficile e che ha conquistato i teatri del mondo; The Gatekeepers di Dror Moreh, interviste a sei ex capi dello Shabak, il Servizio di Sicurezza generale d’Israele, sui conflitti che hanno segnato il Medioriente; The Garden of Eden di Ran Tal, che ritrae Gan HaShlosha, uno dei parchi più grandi di Israele conosciuto come il “Sakhne”, raccontando storie umane e attraversando le quattro stagioni dell’anno; La musica dell’anima, di Matteo Bellinelli, sul Birobidzhan, la repubblica Autonoma Ebraica fondata da Stalin nel 1932 nelle terre dell’Estremo Oriente russo, definita la “prima Israele”; The Ballad of the Weeping Spring di Benny Toraty, la storia amara e romantica del gruppo musicale “Ensamble Turquoise”; Aya di Mihal Breziz e Oded Binnun, l’incontro fortuito e breve tra una giovane donna e un musicologo danese che percorrono insieme in macchina il tratto tra Tel Aviv e Gerusalemme, instaurando un rapporto breve ma progondo e originale. Una gioia per me averli visti, un peccato per chi li ha persi!

SETTIMANA DELLA CULTURA DI IMPRESA 2013
Si tiene dal 14 al 24 novembre 2013 la dodicesima edizione della SETTIMANA DELLA CULTURA DI IMPRESA organizzata da Museimpresa-Associazione Italiana Archivi e Musei d’mpresa. Tra le iniziative di quest’anno:
-giovedì 14 novembre ore 17,00 presso la Biblioteca Civica centrale di Torino, via Della Cittadella, 5 “Il verde d’impresa: la definizione delle aree verdi nel progetto industriale della Olivetti”: la collaborazione del progettista di giardini Pietro Porcinai per lo stabilimento di Pozzuoli. In collaborazione con l‘Associazione Archivio Storico Olivetti e Biblioteche civiche Torinesi.
-giovedì 14 novembre ore 10,00-12,30 presso la Fondazione Giulio Pastore, via del Viminale 43 a Roma “Fabbrica, vita, famiglia” con la proiezione di “Una fabbrica e il suo ambiente (Olivetti) di Michele Gandin, 1957. In collaborazione  con l’Archivio Nazionale Cinema d’Impresa e Fondazione Giulio Pastore.
-venerdì 22 novembre ore 17,00 presso la Biblioteca Civica centrale di Torino, via Della Cittadella, 5 “La produzione editoriale della Società Olivetti”: periodici di informazione, house organi, calendari, cataloghi d’arte, libri strenna, agende, manifesti. In collaborazione con l’Associazione Archivio Storico Olivetti e Biblioteche civiche Torinesi.

CANDIDATURA UNESCO PER LA CITTA’ DI IVREA
Lunedì 21 ottobre 2013, alle 17.00, presso l’Officina H in via Montenavale 1 (Ivrea)
, si svolgerà il primo evento ufficiale aperto alla cittadinanza per la presentazione della candidatura della Città di Ivrea a sito UNESCO. Un incontro pubblico, destinato a diffondere e far conoscere il progetto e a coinvolgere tutta la cittadinanza nell’ambizioso percorso che avrà il suo traguardo con l’auspicato inserimento nella “World Heritage List”, secondo la Convenzione per la Protezione del Patrimonio Culturale e Naturale UNESCO del 1972.
Insieme al Sindaco Carlo Della Pepa, parteciperanno all’incontro il Presidente della Fondazione Adriano Olivetti Laura Olivetti, l’Assessore alla Cultura della Regione Piemonte Michele Coppola e l’Assessore alla Cultura della Provincia di Torino Marco D’Acri.
In occasione dell’incontro verrà proiettata la prima puntata del film Adriano Olivetti. La forza di un sogno, regia di Michele Soavi (nipote di Adriano Olivetti), con Luca Zingaretti nel ruolo del protagonista, che verrà introdotta da Luca Barbareschi, produttore. Il film sarà trasmesso su Rai Uno il 28 e il 29 ottobre in prima serata.
Sono stati inoltre invitati il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Massimo Bray, il Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota e il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta.
L’iscrizione della Città di Ivrea nella Lista propositiva italiana UNESCO, è il risultato del lavoro congiunto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, del Comune di Ivrea e della Fondazione Adriano Olivetti.
L’ingresso sarà libero e gratuito fino a esaurimento posti.

GASTONE NOVELLI A NAPOLI
A Napoli, dall’11 ottobre 2013 al 12 gennaio 2014, Palazzo Zevallos Stigliano ospita la mostra di dipinti e disegni (1957-1964) di Gastone Novelli “OGNI UNIVERSO È UN POSSIBILE LINGUAGGIO”.
Promossa e organizzata da Intesa Sanpaolo in collaborazione con l’Archivio Gastone Novelli e curata da Marco Rinaldi, l’esposizione è la prima antologica dell’artista organizzata nel capoluogo partenopeo. In mostra un nucleo di 36 opere tra dipinti e disegni provenienti dall’Archivio Gastone Novelli (curato dall’amico Ivan), dalla collezione Intesa Sanpaolo e da collezioni private.
Comunicato_Stampa_Mostra

QATAR: DAMIEN HIRST EXHIBITION
In October 2013, Qatar Museums Authority in Doha will present ‘Relics’: the most comprehensive survey of Hirst’s work ever shown and his first solo exhibition in the Middle East. Place: Alriwaq Doha Exhibition Space, Qatar.
Curated by the internationally renowned writer, critic and curator, Francesco Bonami, ‘Relics’ is part of a series of cultural initiatives organised by QMA in order to foster discussions and cultural exchange between the UK and Qatar.

THE SEA IS MY LAND. ARTISTI DEL MEDITERRANEO AL MAXXI DI ROMA
Il Mediterraneo: la grande piazza d’Europa. Non una superficie liquida ma solida, dove il sistema di scambi non è più solo economico ma culturale  e religioso…. Il Mediterraneo è lo stomaco dell’Europa, il suo destino, la sua ombra.” Così Francesco Bonami introduce nel catalogo la mostra che ha curato, insieme a Emanuela Mazzonis e che si è aperta il 4 luglio, fino al 29 settembre 2013, allo Spazio D del MAXXI, promossa da BNL Gruppo BNP Paribas per celebrare i suoi 100 anni di attività. “Ventidue artisti da ventidue paesi mediterranei entrano con il proprio lavoro in piazza creando una conversazione cacofonica e affascinante fra diversi modi di intendere la propria mediterraneità”. Ammar Abd Rabbo; Yuri Ancarani; Taysir Batniji; Mohamed Bourouissa; Marie Bovo; Ales Bravnicar; Stephane Couturier; Fouad Elkoury; Mounir Fatmi; Dor Guez; Adelita Hausni-Bey; Mouna Karray; Panos Kokkinias; Irena Lagator Pejovic; David Maljkovic; Mark Mangion; Mladen Miljanovic; Moataz Nasr; Adrian Paci; Rori Palazzo; Christodoulos Panayiotou; Agnes Roux; Arslan Sukan, Rori Palazzo, sono gli artisti multidisciplinari provenienti da Spagna, Francia, Principato di Monaco, Italia, Malta, Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Albania, Grecia, Cipro, Turchia, Siria, Libano, Israele, Palestina, Egitto, Libia, Tunisia, Algeria, Marocco, autori delle oltre centoventi fotografie e delle quattro installazioni video esposte alla mostra. L’opera vincitrice “Two Palestinian Riders, Ben Shemen Forest”, che sarà acquisita dalla Banca ed entrerà a far parte del suo patrimonio artistico, appartiene all’artista Dor Guez.

55 LECTURES SUL DESIGN ITALIANO A ROMA
Inizia giovedì 30 maggio con la LECTURE  “IL DESIGN È UBIQUO _UBIQUITOUS DESIGN”  il Calendario di  55 Lectures  proposto dal Dipartimento di Pianificazione, Design, Tecnologia dell’Architettura dell’Università La Sapienza di Roma.
Tutti i Giovedì,  a partire dal 30.05.2013 fino al 2 .10. 2014,  nella Sede del Dipartimento a Roma, in Via Flaminia 70,  i professori e i ricercatori del Dipartimento comunicheranno i temi e i contenuti scientifici della loro ricerca e  della loro attività di formazione.
“Il filo conduttore dei 55 contributi è dato dall’attenzione verso le teorie e le pratiche che fanno delle discipline strumenti d’innovazione per la costruzione del futuro dell’architettura, della città, del territorio e degli artefatti materiali e immateriali che li attraversano.
Oltre che offrire la concreta possibilità di esercitare un sapere aperto e privo di autoreferenzialità perché offerto a tutti, questa iniziativa vuole riaffermare, dentro e fuori il Dipartimento, il ruolo retorico e attivo che deve possedere una comunità scientifica.”
Così l’amico Tonino Paris, Direttore del Dipartimento e relatore del primo appuntamento, presenta questa interessante iniziativa, aperta anche all’esterno dell’Ateneo.

GASTONE NOVELLI AL MACRO DI ROMA
I bellissimi disegni di Gastone Novelli, tra cui alcuni inediti, compongono la mostra del MACRO ‘Scrivere la pittura disegnare il linguaggio. Gastone Novelli. Opere su carta’. La mostra, curata da Paola Bonani e Benedetta Carpi de Resmini, e’ stata realizzata con la collaborazione dell’Archivio Gastone Novelli, (curato dall’amico Ivan, figlio del grande artista) che ha messo a disposizione del museo romano un nucleo di oltre 30 opere create tra il 1957 al 1968, tra le quali le carte realizzate durante il viaggio in Grecia del ’62, i collage, straordinari reportage dell’unica sua visita negli Usa (1965) e gli ultimi quattro disegni, realizzati in ospedale a pochi giorni dalla morte.
Dal 16 maggio al 22 settembre 2013 al MACRO- Project Room 1, via Nizza 138, Roma.

LE DONAZIONI ALATRI AL MUSEO EBRAICO DI ROMA
Nell’ambito dell’iniziativa MUSEO DI FAMIGLIA, domenica 19 maggio si è svolta la presentazione ufficiale degli oggetti donati dalle famiglie Alatri alle antiche Cinque Scole nei secoli XVII e XVIII e ora conservati presso il Museo Ebraico. La mostra, curata dalla Dottoressa Olga Melasecchi, durerà fino alla fine del 2013. L’ingresso al Museo è gratuito per gli iscritti alla Comunità Ebraica di Roma. Per la visita si consiglia la prenotazione contattando: cat@museoebraico.roma.it-Tel. 06.68400662. (Addobbamento Alatri).

OPEN HOUSE ROMA 2013: VISITA ALLO STUDIO KAMI
Tra i tanti appuntamenti dell’iniziativa Open House, che si svolge a Roma dal 4 al 5 maggio, segnalo la visita guidata dello STUDIO KAMI  Architecture and Engineering – Custo, Mantrici & Partners, da poco inaugurato.
I giorni disponibili per le visite sono il 4 e 5 maggio 2013 dalle 14.30 alle 20.00 (ultimo ingresso h 19.30) in Via di Pietralata, 157.
Per informazioni e prenotazioni:
Tel.: + 39 06 418 04 04
www.studiokami.it
info@studiokami.it

A ROMA UNA NUOVA SEDE PER IL FARMER’S MARKET
Da sabato 13 aprile il Farmer’s Market dell’ex Mattatoio del quartiere Testaccio è stato trasferito nel cuore della Garbatella storica, accanto al teatro Palladium, in via Francesco Passino, nell’interessante immobile appena ristrutturato che in passato ospitava l’ex mercato rionale. Inizialmente gli spazi del mercato coperto, nati dall’idea dell’architetto Innocenzo Sabbatini, molto attivo a Roma negli anni venti, avrebbero dovuto accogliere anche una palestra e una piscina. Le cose poi andarono diversamente e il progetto andò avanti nel dopoguerra con i lavori che iniziarono solo nel 1948. L’edificio venne inaugurato nel 1952. L’ultimo restauro è stato avviato nel 2002 e dopo complicate vicende burocratiche e molte polemiche, è stato finalmente portato a termine dopo più di dieci anni. Certo è che tutti hanno lasciato un po’ di cuore nel padiglione 9 dell’ex Mattatoio, ma sentiamo che questo posto ci ha conquistati già. Con piacevole sorpresa abbiamo ritrovato tutti i produttori con i loro banchi posti  intorno al perimetro, in un ambiente costruito in parte in muratura e in parte in cemento armato, molto grande, arioso e pieno di luce, nel centro una “piazzetta” dove le persone si fermano a parlare e i bambini giocano. Si sono trasferiti proprio tutti, i banchi della frutta e verdura, delle carni fresche e salumi, dei formaggi e latticini, del pane e pasta fresca, dei dolci, dei vini e aceti, dell’olio di oliva, delle conserve e marmellate, del miele, dei legumi. L’angolo delle piante ci accoglie all’ingresso e con molto piacere ritroviamo anche il nostro amico senegalese che propone raffinati oggetti di artigianato intrecciati a mano. Questo mercato a km 0, come quello di via San Teodoro al Circo Massimo e quello del quartiere Corviale in via Marino Mazzacurati, 75, aperto a dicembre, fanno parte di un sistema di mercati agricoli per vendita diretta al pubblico dei prodotti dell’agricoltura, gestiti dal Comune di Roma attraverso l’Ufficio dei Farmer’s Market (Cinzia Iacoangeli).
Orari di apertura dei Farmer’s Market:
Garbatella – Via Francesco Passino: sabato 09.00 – 18.00; domenica 09.00 – 14.00
Corviale – Via Marino Mazzacurati: sabato 09 – 18.00; domenica 09.00 – 14.00
Circo Massimo – via di San Teodoro: sabato 09.00 – 18.00; domenica 09.00 – 16.00.

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA: ORTI TASCABILI A ROMA E MILANO
In occasione della Giornata Mondiale della Terra di lunedì 22 Aprile Green City Italia, in collaborazione con Kiehl’s, promuove l’iniziativa “COLTIVIAMOCI”.
Nelle straordinarie sedi di Porta Nuova a Milano e del  Roseto Comunale a Roma, saranno distribuiti nella mattinata di lunedì migliaia di “Orti Tascabili”, piccole fioriere in metallo contenenti semi di basilico, per sensibilizzare cittadini e studenti sull’importanza degli orti urbani, recuperando un nuovo rapporto con la terra, la natura coltivata e i suoi cicli di vita.
A Milano, presso gli Ex-Caselli Daziari di Porta Nuova, inoltre, sarà avviato un Laboratorio Orticolo Sperimentale, che coinvolgerà alcune scuole elementari della città, educando i più piccoli alla coltivazione e alla cura delle piante.
Green City Italia presenterà anche il risultato della raccolta differenziata a Milano, in cui i cittadini si stanno progressivamente impegnando: un cono di compost, posizionato in prossimità della Porta, sarà segno tangibile delle grandi opportunità che ci può offrire il “sub-strato”, prodotto dalle buone pratiche di ognuno di noi.
Una buona occasione per entrare in contatto con il mondo degli orti urbani che, insieme a quello dei giardini condivisi, offre sempre più numerose e  interessanti iniziative alle quali partecipano cittadini e associazioni (www.hortusurbis.it; www.zappataromana.net).
Flyer Earth Day_Milano
Flyer Earth Day_Roma
Comunicato Stampa_Earth Day

OPERATORI TURISTICI E AGROALIMENTARI AL SARDEGNA STORE DI ROMA
Giovedì 4 Aprile 2013, in via XX Settembre 21, il Sardegna Store di Roma ospiterà gli operatori turistici e agroalimentari del Marghine, area ubicata nel versante centro-occidentale della Sardegna. Il programma prevede, dalle ore 10,00, la proiezione di immagini e video rappresentative delle proposte di itinerari turistici che meglio caratterizzano l’area, relativi in particolare al turismo culturale (monumenti, i siti archeologici, i musei, le chiese, i santuari, i centri storici, le opere storico-artistiche); al turismo enogastronomico legato alle attività produttive tipiche (il miele, l’olio, i dolci, i formaggi, i liquori); al turismo ambientale – escursionistico (escursioni a piedi, in fuoristrada e a cavallo) lungo i sentieri del Marghine per conoscere ed apprezzare un territorio con importanti emergenze naturalistiche.
Seguirà una degustazione di prodotti tipici locali e alle 15,00 un incontro con il pubblico per momenti informativi sui vari aspetti del territorio del Marghine.
Per informazioni: tel. 06/42013800/E-mail : sardegnastore.roma@novamusa.it

LOVE MEAL A LONDRA

E’ in corso fino al 9 giugno 2013 alla Whitechapel Gallery di Londra, nello spazio Collection Gallery, Love Meal, la terza mostra della collettiva “Think Twice. Opere dalla Collezione Sandretto Re Rebaudengo”, co-curata da Francesco Bonami, direttore artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e da Achim Borchardt-Hume, direttore artistico della Whitechapel Gallery.
La collettiva Think Twice è suddivisa in quattro mostre che presentano gran parte della collezione Sandretto Re Rebaudengo: la prima,“Catttelan” (25 settembre – 2 dicembre 2012) ha esposto le opere di Maurizio Cattelan; la seconda, “Viral Research”, si è tenuta dal 15 dicembre 2012 – 10 marzo 2013; la quarta, “Have you seen me before” si aprirà il 18 giugno e durerà fino all’ 8 settembre 2013.
Love Meal ruota attorno a un’opera di Felix Gonzalez-Torres e riunisce opere che, in modi diversi, analizzano il rapporto tra individuo e società, tra la dimensione umana, quella artigianale e quella industriale, come nel caso dei lavori di Damien Ortega, Tobias Rehberger e Pawel Althamer.

JEFF WALL IN MOSTRA A MILANO
E’ in corso a Milano la mostra Actuality, la prima grande retrospettiva italiana del fotografo canadese Jeff Wall (Vancouver 1946), nelle sale del PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano. L’esposizione è curata da Francesco Bonami e prodotta da Comune di Milano – Cultura Moda Design e CIVITA.
Quarantadue le opere in mostra, alcune presentate per la prima volta in Italia, che tracciano il percorso creativo di uno fra gli artisti contemporanei più innovativi degli ultimi trenta anni, presente a Documenta Kassel e alla Biennale di Venezia e protagonista di mostre personali nei principali musei del mondo, come il MoMA di New York (2007), il Deutsche Guggenheim di Berlino (2007), il San Francisco Museum of Modern Art (2008) e la Tate Modern di Londra (2005).
La mostra resterà aperta fino al 9 giugno 2013.
DA RIFIUTI A RISORSE: INCONTRO PUBBLICO ORGANIZZATO DA AMUSE
Si terrà venerdì 22 marzo a Roma, alle ore 18,00 presso la Biblioteca Flaminia, in via Fracassini 9, l’incontro “DA RIFIUTI A RISORSE: LA GESTIONE DEI RIFIUTI A ROMA TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO”, organizzato dall’Associazione di Promozione Sociale AMUSE – Amici del Municipio Secondo di Roma, per contribuire a fornire un’informazione corretta ai cittadini e promuovere le pratiche finalizzate alla riduzione, al riuso e al riciclo dei rifiuti solidi urbani.
AMUSE, da tempo impegnata in attività di educazione ambientale, vuole mettere l’accento sull’urgenza di trovare soluzioni che garantiscano un livello di qualità della vita accettabile per chi vive nella nostra metropoli, affrontando, in maniera chiara e approfondita, i numerosi e difficili aspetti che riguardano il tema dei rifiuti nella città di Roma.
Per questo l’Associazione ha riunito esperti, giornalisti, rappresentanti delle Istituzioni e della Associazioni di cittadini, per evidenziare problematiche, contraddizioni, punti di incontro e raccogliere elementi e informazioni utili a comprendere la situazione attuale e le prospettive che si pongono a medio e lungo termine per la Capitale.
INVITO PROGRAMMA CONVEGNO AMUSE “DA RIFIUTI A RISORSE”.
COMUNICATO STAMPA AMUSE CONVEGNO “DA RIFIUTI A RISORSE”

ROMA: RICHARD AMBROSINI PRESENTA ANTONIO PENNACCHI
Giovedì 21 marzo 2013
, alle ore 14:30, nella Sala Ignazio Ambrogio presso il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Straniere dell’Universita di Roma Tre, in Via del Valco di San Paolo 19 a Roma, si terrà l’incontro pubblico con lo scrittore Antonio Pennacchi. La presentazione è a cura dell’amico Richard Ambrosini.

LA VECCHIA EUROPA ALLA PROVA DELLA SISTINA
Un’interessante e accurata fotografia di come si presenta l’Europa al Conclave che inizia oggi, nell’articolo dell’amico Ciro Fusco pubblicato su eunews.it.
Una buona fonte per conoscere i profili di alcuni cardinali europei sui quali è puntata l’attenzione per l’elezione del nuovo Papa. Buona lettura!

SARDEGNA: ARTIGIANATO DI QUALITA’ A ROMA
Uno spazio molto particolare, inaugurato a maggio del 2012 e in cui vale la pena entrare, anche se non sono chiari gli orari di apertura. Si tratta di uno dei tre SARDEGNA STORE aperti dalla Regione Sardegna: un negozio che espone prodotti artigianali di qualità facenti parte della collezione di manufatti DOMO per 11 differenti ambiti artigiani. Il progetto DOMO ha visto il coinvolgimento di 60 botteghe artigiane regionali e 33 designer di differenti ambiti e nazionalità ed è nato nel 2009 in occasione della XIX Biennale dell’Artigianato Sardo, importante appuntamento voluto e sostenuto dalla Regione Sarda, Assessorato al Turismo, Artigianato e Commercio. La Ilisso Edizioni, a seguito dell’aggiudicazione della gara d’appalto bandita dalla Regione Sardegna ha ideato, curato e realizzato tutte le fasi del progetto. Nello spazio anche le produzioni di SUBERIS, derivate dalla lavorazione della fibra di sughero, prodotta in uno stabilimento a Calangianus, a pochi chilometri da Tempio Pausania, nel cuore della Gallura: divani, borse, valigie, vestiti da donna, arredamento d’interni per abitazioni, automobili, imbarcazioni, rivestimenti di sedie, poltrone, divani, tendaggi, tovaglie, lampade,  accessori-moda, calzature, selleria.

L’UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL CORPO FORESTALE DELLO STATO
Un luogo insolito, accogliente e di grande interesse, scoperto per caso: l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Corpo Forestale dello Stato, in via Salandra, a Roma. Il centro informativo è nato per promuovere e divulgare l’attività del Corpo Forestale dello Stato e far conoscere il patrimonio nazionale delle aree protette: 130 riserve naturali per un totale di 130.000 ettari di cui 90.000 occupati da formazioni boschive. Un insieme variegato di habitat naturali di grande valore dal punto di vista della biodiversità, distribuiti su tutto il territorio nazionale. Nell’URP è possibile conoscere anche la storia delle Mura Serviane, i cui resti sono visibili nei locali occupati dal Centro informativo, venuti alla luce durante i lavori di edificazione nel rione Sallustiano. Il personale è gentile e disponibile, il materiale che viene distribuito ben fatto, così come i video sulla storia e sul restauro delle Mura di Roma.

LA MAISON DEYROLLE A PARIGI
La Maison Deyrolle, a rue du Bac 46 a Parigi, è davvero un luogo unico e affascinante.
La storica azienda, fondata nel 1831 da Jean-Baptiste Deyrolle, propone “des collections riches et variées d’insectes, de coquillages, d’animaux naturalisés, de curiosités naturelles” e realizza, con le edizioni Deyrolle por l’avenir, una fantastica produzione di tavole illustrate e pubblicazioni a carattere scientifico divulgativo per musei, istituzioni scientifiche e scuole in diverse lingue. La boutique du Prince Jardinier, al suo interno, offre raffinati utensili, attrezzi, libri, mobili e oggetti per il giardinaggio.

FEBBRAIO NEI MUSEI
Possiamo dire di non poterne più di campagna elettorale e di sorprese extra che riempiono le nostre giornate? Sì. Allora, una delle cose da fare, potendo, è quella di andarvi a chiudere in un museo e febbraio è il mese delle nuove mostre.
Ha appena inaugurato al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, il Mart, “Progetto cibo – Le forme del gusto”. Una mostra dove il cibo insieme al design e alla progettazione alimentare, entra nelle sale del Museo con un progetto che vuole capovolgere l’idea tradizionale di esposizione. Molti gli ingredienti che vogliono stimolare in modo serio e allegro il visitatore, provocando una reazione estetica a più livelli, tra ricette, oggetti da mangiare e oggetti per mangiare, fotografie, brevetti, immagini a firma dei protagonisti della scena internazionale. Fino al 2 giugno 2013.
Alla Galleria nazionale d’arte moderna a Roma, dal 19 febbraio al 2 giugno, “Il fascino discreto dell’oggetto. 1912 -1950. La natura morta dalla collezione permanente della Gnam”. La Galleria nazionale d’arte moderna conserva all’interno delle sue collezioni circa trecento opere tra pittura, grafica, disegno e scultura che hanno come soggetto la natura morta, lavori che, ordinati cronologicamente, permettono di ripercorrere tutte le correnti artistiche che hanno caratterizzato il Novecento. La mostra vuole mettere in evidenza le opere rimaste finora ignorate o di minore fortuna critica.
Sempre alla Galleria nazionale d’arte moderna a Roma, dal 26 febbraio al 5 maggio, “Arte in Giappone 1868 – 1945”. In occasione del cinquantesimo anniversario dellla nascita dell’Istituto Giapponese di cultura a Roma, Japan Foundation, Galleria nazionale d’arte moderna, Museo Nazionale d’Arte Moderna di Tokyo organizzano per la prima volta in Italia, un’ampia mostra dedicata all’arte giapponese del Novecento, un periodo poco conosciuto, di intense trasformazioni che va dalla restaurazione dell’Imperatore Meiji nel 1868 alla fine della seconda guerra mondiale.
Alla Fondazione Morra Greco a Napoli, dal 22 febbraio al 22 marzo, “Progetto XXI – Judith Hopf”.  La mostra è anche l’occasione per visitare la Fondazione Morra Greco per l’arte contemporanea che si trova all’interno di quella che fu la pinacoteca del Palazzo dei Principi Caracciolo di Avellino. Il palazzo situato nel centro di Napoli, in particolare sul decumano maggiore, era uno dei più grandi edifici privati di Napoli. Durante la seconda guerra mondiale subì notevoli bombardamenti. La parte superstite, che si estende su una superficie di duemila metri quadrati, è diventata la sede della Fondazione.
La mostra nasce dalle riflessioni dell’artista tedesca Judith Hopf sulla città di Napoli e sulla sua cultura. I tre piani espositivi sono messi in dialogo tra loro da una struttura in legno che riprende le puntellature risalenti al terremoto del 1980, ancora presenti in alcuni punti del Palazzo dei Principi Caracciolo di Avellino (Cinzia Iacoangeli).
MICHELE DE LUCCHI A ROMA
Martedì 12 febbraio, ore 17.00, 
all’Auditorium del MAXXI, Conversazione con Michele De Lucchi”, in concomitanza con la mostra Colonne portanti curata da Emilia Giorgi in corso presso la Fondazione Volume!, in via S.Francesco di Sales 73 a Roma fino al 15 marzo 2013.
ROMA: SCENE DA UN PATRIMONIO
L’Italia e il suo patrimonio artistico-naturale è il tema della prossima rassegna di Alphaville Cineclub di Roma. Dal 13 al 17 febbraio, alle ore 21.00, in via del Pigneto 283 avrà luogo la rassegna Scene da un patrimonio, imperdibile selezione di pellicole di grandissimi autori del cinema che così bene hanno saputo rendere omaggio alle bellezze del nostro Paese.
Dalla  Costiera amalfitana alle rovine di Pompei, dalle suggestive Terre del Chianti alla laguna Veneziana senza dimenticare i Sassi di Matera e Bagno Vignoni nella Toscana della Val d’Orcia e l’incredibile Aspromonte, Alphaville vi permetterà di partire per un viaggio attraverso l’Italia così da poter ammirare luoghi che tutto il mondo ci invidia e che sono, oggi, patrimonio dell’UNESCO.
Mercoledì  13 si inizia con la visione di Morte a Venezia, diretto da Luchino Visconti nel 1971.
Giovedì  14 febbraio sarà la volta di Nostalghia (1983), pellicola di forte atmosfera firmata dal regista russo Andreij Tarkovskij.
La serata di venerdì 15 febbraio ha in programma due proiezioni, la prima, alle ore 21.00 con la visione di Viaggio in Italia, diretto nel 1954 da Roberto Rossellini; la seconda proiezione propone il film-documentario Pink Floyd a Pompei, diretto nel 1974 da Adrian Maben. Introdotto da Andrea Raimondo, il cult imperdibile per gli amanti del grande gruppo rock inglese è ambientato nelle rovine della storica città campana.
Sabato 16 sarà la volta dell’affascinante paesaggio culturale dei Sassi di Matera con la proiezione de Il Vangelo secondo Matteo, film diretto da Pier Paolo Pasolini nel 1964.
La serata conclusiva di domenica 17 propone la visione di Io ballo da sola, diretto nel 1996 da Bernardo Bertolucci, ambientato tra le colline del Chianti.
Inoltre, ogni lunedì di febbraio, alle ore 19.00 ed alle ore 21.00, verrà proiettato Aspromonte,  road movie  tutto calabrese per la regia di H. Krissane (Cinzia Iacoangeli).

DINO BUZZATI: INVITI SUPERFLUI
E’ di Dino Buzzati, lo scrittore che amava la montagna, il racconto “Inviti superflui” pubblicato nella raccolta curata dallo stesso Buzzati nel 1958 “Sessanta racconti”. Una lettura che può commuovere….

MILANO: “BOB DYLAN. NEW ORLEANS SERIES”

Milano: dal 5 febbraio al 10 marzo 2013 a Palazzo Reale, la mostra BOB DYLAN. NEW ORLEANS SERIES a cura di Francesco Bonami. Una singolare esposizione di  22 dipinti di recente esecuzione ambientati nella città di New Orleans. Il cantautore ha iniziato ad esporre in Europa nel 2007, con la prima personale organizzata al Kunstmuseum di Chemnitz, in Germania.

TORINO: “GERARTD RICHTER. EDIZIONI 1965-2012 DALLA COLLEZIONE OLBRICHT”
Da giovedì 31 gennaio al 21 aprile 2013 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino la mostraGerhard Richter. Edizioni 1965-2012 dalla Collezione Olbricht” a cura di Hubertus Butin e Wolfgang Schoppmann. Giovedì 31 gennaio alle 18.30 incontro con i curatori della mostra, Thomas Olbricht, Francesco Bonami e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo.

ROMA: “ISRAEL NOW”
Giovedì 31 gennaio 2013, alle ore 11,30, al MACRO Testaccio (piazzale Orazio Giustiniani, 4, Roma) inaugura la mostra “Israel Now” ­ Reinventing the Future, a cura di Micol Di Veroli. La mostra, strutturata attorno ad una selezione di ventiquattro artisti israeliani provenienti da esperienze e generazioni diverse, vuole essere una piattaforma culturale trasversale, multidisciplinare, capace di riflettere il dinamismo e la visionarietà dello Stato di Israele. La mostra ha ottenuto la medaglia di Rappresentanza dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Resterà aperta fino al 17 marzo.(Cinzia Iacoangeli)

IL GIORNO DELLA MEMORIA
Tra le numerose iniziative organizzate per celebrare il Giorno della Memoria, il quotidiano online Roma2Oggi segnala il  concerto con Evelina Meghnagi e l’Ashira-Ensemble “Un volo leggero… per rispondere con la vita” nel Secondo Municipio.
Mercoledì  23 gennaio, ore 20,00, all’Istituto Austriaco di cultura di Roma, Viale Bruno Buozzi 113 – 00197 Roma.
Ingresso libero – fino a esaurimento posti.

MILANO: “Olio Officina FOOD FESTIVAL”
Si svolge a Milano, dal 24 al 26 gennaio 2013 al Palazzo delle Stelline, la manifestazione culturale “Olio Officina FOOD FESTIVAL” alla sua seconda edizione. Nella giornata di venerdì 25 gennaio interverrà l’amico Alfonso Pascale della Rete Fattorie Sociali sul tema “L’economia non è una brutta bestia”.
Per consultare il programma e iscriversi: www.olioofficina.com

REDDITO MINIMO GARANTITO-Presentazione della ricerca del BIN ITALIA
Martedì 15 gennaio, alle ore 17,00 presso la Sala delle Carte Geografiche in Via Napoli 36 a Roma, la presentazione del  libro “Reddito minimo garantito.  Un progetto necessario e possibile”  realizzato da un team di autori tra i quali l’amico Giuseppe Bronzini. La ricerca, a cura del Basic Incom Network Italia, “riporta le esperienze di reddito minimo garantito vigenti nei vari paesi del continente europeo, racconta la stagione delle sperimentazioni nelle regioni italiane e propone, nell’ultima parte del volume, l’articolazione – fatta di suggerimenti, stimoli, analisi e proposte – di un percorso possibile per una legge nazionale per il reddito garantito nel nostro paese”. Tra le altre pubblicazioni di Bronzini, magistrato, socio fondatore del BIN Italia, ”I diritti del popolo Mondo” e “Il reddito di cittadinanza”.
Invito

ROMA: IN MOSTRA LE FOTOGRAFIE DI ERICH KUSCH
“Da Roma al Polo Sud”: si inaugura lunedì 14 gennaio alle ore 19,00 a Roma la mostra delle fotografie dell’archivio di Erich Kusch, giornalista, reporter, per anni Presidente dell’Associazione della Stampa estera in Italia.
Un gradito ricordo di un grande professionista, un amico, un collega, che ricoprì il ruolo di Direttore del Centro Stampa dell’Agenzia romana per la preparazione del Giubileo ubicato presso la ex sede del Cinema Castello.
La mostra si tiene presso s.t. foto libreria galleria, via degli ombrellari, 25 a Roma (Borgo Pio), dal lunedì al sabato, dalle 10:30 alle19:30, con il patrocinio della Casa di Goethe e  in collaborazione con VIAGGI DELL’ELEFANTE. L’ingresso è gratuito.
info@stsenzatitolo.it
http://www.lastampa.it/2013/01/07/cultura/fotografia/mostre/da-roma-al

ROMA: MEMORIE DI INCIAMPO E ARTE IN MEMORIA
Venerdì 11 gennaio 2013 alle ore 11 alla Casa della Memoria e della Storia di Roma, in via San Francesco di Sales, 5, saranno presentati i due progetti:
MEMORIE D’INCIAMPO A ROMA, ideato dall’artista tedesco Gunter Demnig, che il 14 e 15 gennaio 2013 sarà a Roma per installare personalmente 36 Stolpersteine (pietre d’inciampo) in memoria di deportati razziali e politici nei marciapiedi prospicienti le loro abitazioni.
ARTE IN MEMORIA 7, la biennale di arte contemporanea ospitata nella sinagoga di Ostia antica che avrà come protagonisti Alice Cattaneo,  Sigalit Landau, Hidetoshi Nagasawa, Michael Rakowitz.
Curatrice delle iniziative l’amica Adachiara Zevi.
MEMORIE D’INCIAMPO INVITO CONF. STAMPA
MEMORIE D’INCIAMPO COMUNICATO STAMPA
MEMORIE D’INCIAMPO PERCORSO

CAPODANNO A SORRENTO
Capodanno a Sorrento, ma Sorrento anche tutto l’anno! Proprio così. Si può decidere di andare in ogni stagione. La costiera Amalfitana riserva sorprese sempre diverse. E’ il sud che vogliamo, panorami indimenticabili, luce intensa, civiltà, professionalità, cordialità, simpatia dove però l’unico punto debole sono le auto che creano qualche problema lungo la strada in prossimità dei luoghi più belli: Positano, Amalfi, obbligatoria la deviazione per Ravello con il suo festival della musica e con il suo auditorium progettato da Oscar Niemeyer, con villa Cimbrone, villa Rufolo, villa Eva, ognuna con panorami unici. Sorrento in particolare è una città elegante e a misura di tutti: passeggiate, affascinante la strada che scende  verso il borgo di marina Grande dove si incontra la storica villa Tritone che fu la dimora di Benedetto Croce, a picco sul mare e ricca di resti archeologici e che “per stare al passo con i tempi”, è stata venduta dalla famiglia Pane a un’abbiente ventenne russa per 35 milioni di euro. Tornando a noi, ottimo cibo, luoghi da visitare, negozi, ristoranti per tutte le tasche, artigianato locale (oggetti  in legno pregiato prodotti ancora con le tecniche dei vecchi maestri dell’intarsio sorrentino) e durante il periodo natalizio ogni finestra e balcone dei palazzi (sempre ripuliti e restaurati), le piazze, le strade, dal corso principale al vicolo più remoto, vengono addobbate da raffinati decori e luci scintillanti. Finita la vacanza, tornando verso la strada che ci riporta a casa, troviamo una situazione tristemente diversa e ci sembra impossibile che poco lontano da quei luoghi regnino il caos e la cattiva amministrazione, ma quella è un’altra storia. (Cinzia Iacoangeli)

UN CAPODANNO ALL’ALEXANDER PLATZ
Chi lo conosce sa di cosa si parla: del primo Jazz Club italiano, che mantiene inalterate, nel tempo, la sua qualità e piacevolezza. Per chi non lo conosce e ama la musica, è una scoperta piacevole e di grande goduria. Alexander Platz Jazz Club è una “cantina” nel quartiere Prati di Roma, a via Ostia, aperta nel settembre del 1982, dove si sono espressi i grandi del jazz e sembra che le loro note, le loro voci siano intrappolate tra le pareti (come le firme di tutti quelli che sono passati da qua) e si fondano con i suoni e le dissonanze che chi si esibisce regala agli spettatori. Cibo e musica qui vanno d’accordo. Perché il jazz si ascolta anche ridendo, chiaccherando sommessamente o sbocconcellando qualcosa. Si mangia bene, ci sono ragazzi che portano i piatti e da bere, allegri e  appassionati anche loro di Jazz. E poi, si sta in bella compagnia, perché si ha qualcosa che accomuna, gli uni con gli altri, tutti i clienti. Per una volta è come se si conoscesse qualcosa dell’estraneo che mangia vicino a noi. Si può anche entrare solo per ascoltare la musica, senza pranzare. Il prezzo non è eccessivo. Un Capodanno diverso. Proprio bello! (Nemi Calabrò)

VENEZIA: “SCARPA. VENINI 1932-1947″
E’ stata prorogata fino al 6 gennaio 2013 la bellissima mostra organizzata dalla Fondazione Giorgio Cini nell’isola di S. Giorgio Maggiore a Venezia “Carlo Scarpa. Venini 1932-1947″. Più di 300 opere progettate dall’architetto veneziano nel periodo in cui fu direttore artistico della famosa vetreria.

ROMA-ENEL CONTEMPORANEA 2012: BIG BAMBU’ dei fratelli Starn
Da  martedì 11 dicembre al 31 dicembre 2012, presso la sede del MACRO–Museo d’Arte Contemporanea di Roma a Testaccio è possibile visitare Big Bambù, l’opera realizzata on site come dono alla città di Roma per l’edizione speciale 2012 di Enel Contemporanea, il programma di arte pubblica lanciato da Enel nel 2007 per promuovere una riflessione sull’energia attraverso il linguaggio dell’arte. Il progetto, giunto alla sua sesta edizione, propone ogni anno opere inedite di artisti internazionali. Nel 2010-2011 le opere sono state selezionate sotto la direzione artistica di Francesco Bonami. Quest’anno, per celebrare i 50 anni dell’azienda, Enel propone un progetto speciale. Per l’occasione sono stati selezionati due fra i più importanti artisti internazionali del momento: i gemelli americani Mike e Doug Starn. L’opera si sviluppa  fino a circa 30 metri di altezza, con una costruzione di migliaia di aste di bambù intrecciate dagli artisti e da un gruppo di esperti arrampicatori. Lungo la salita aree di sosta, arredate con sedili sui quali ci si può fermare ad ammirare il panorama. I gemelli Starn hanno esposto in musei e gallerie di tutto il mondo e hanno ricevuto riconoscimenti a livello internazionale. Nel 2012 hanno inaugurato la mostra Gravity of Light, ospitata al Cincinnati Art Museum (3 ottobre-31 dicembre 2012). A compendio dell’opera dei gemelli Starn, due giardini, dalle forme semplicissime, modificano il passaggio dei corridoi dell’ex macello dove ha sede il MACRO. Il progetto “Episodi verdi di spontaneità” dell’architetto paesaggista Melania Bugiani, compone piante erbacee perenni sempreverdi con piante aromatiche e a fioritura estemporanea, ispirandosi alla flora dei luoghi del vicino alveo del Tevere e del Monte dei Cocci.
L’ingresso è gratuito.

LONDRA: “VIRAL RESEARCH”, Whitechapel Gallery
Dal 15 dicembre 2012 al 10 marzo 2013 la seconda mostra della collettiva Think Twice, a cura di Francesco Bonami e Achim Borchardt-Hume.  La mostra prende il titolo da un’opera di Charles Ray, concentrandosi sulla scultura e sulla sua relazione con la fotografia. La Whitechapel Gallery di Londra, per un anno, dal 25 settembre 2012 all’8 settembre 2013, nello spazio Collection Gallery, espone la collettiva Think Twice, suddivisa in quattro mostre che presentano parte della Collezione Sandretto Re Rebaudengo: “Cattelan” (25 settembre – 2 dicembre 2012) ha esposto le opere di Maurizio Cattelan; “Viral Research” (15 dicembre 2012 – 10 marzo 2013); “Love Meal”, (19 marzo – 9 giugno 2013); “Have you seen me before” (18 giugno – 8 settembre 2013).
La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo è una delle più importanti collezioni private in Europa e comprende alcuni fra i maggiori artisti della scena internazionale, come Doug Aitken, Jake & Dinos Chapman, Thomas Demand, Damien Hirst, Paul McCarthy, Reinhard Mucha, Sarah Lucas, Paola Pivi, Anish Kapoor e Mike Kelley.

IL RITORNO IN LIBRERIA DELLE EDIZIONI DI ADRIANO OLIVETTI
La Fondazione Adriano Olivetti annuncia il ritorno nelle librerie delle più importanti opere di Adriano Olivetti, non più disponibili da molti anni, presentate  da Edizioni Comunità, la storica casa editrice fondata nel 1946 e da poco rientrata nelle disponibilità della Fondazione. Il 30 Novembre l’uscita del volume Ai Lavoratori, discorsi agli operai, l’antologia degli scritti e dei discorsi più significativi di Olivetti, insieme con una selezione di scritti inediti o mai raccolti in volume, con la presentazione di Luciano Gallino.

ROMA: MARCELLO CINI RICORDATO DAL FIGLIO DANIELE
Sabato 24 novembre, alle ore 17, presso Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma,  via 4 novembre, verrà trasmesso il documentario su Marcello Cini realizzato da suo figlio Daniele. L’invito di Daniele: “Cari amici, la Provincia di Roma mi ha generosamente concesso una sala il giorno 24 novembre* (è un sabato) alle *17* per proiettare il documentario che ho appena finito sulla figura – e sugli ultimi mesi – di mio padre, Marcello Cini, che ci ha lasciato il 20 ottobre di quest’anno. Così, anche per ricordarlo un mese dopo la sua morte, mi faceva piacere farlo rivedere in molti momenti belli – e anche penosi – della sua lunga e tutto sommato fortunata vita. Il titolo del film è “*Non si finisce mai di imparare*”, come recita la frase finale del suo libro “Il cattivo maestro”. Dura 55 minuti ed è realizzato senza budget, con mie riprese e montaggio nei formati che mi capitavano a tiro (mini DV, HDV, telefonini, fotografie, youtube etc.). La proiezione avverrà alla sala Peppino Impastato nella sede della Provincia di Roma a Palazzo Valentini, via 4 novembre – di fronte a piazza SS.Apostoli. Vi aspetto, grazie Daniele”

OLIVETTI E LA SETTIMANA DELLA CULTURA DI IMPRESA

La cultura del cambiamento. Questo lo slogan della undicesima edizione della ”Settimana della cultura d’impresa” che si svolgerà dal 19 al 25 novembre in numerose città d’Italia. Promossa dalla Confindustria e organizzata da Museimpresa, l’iniziativa apre le porte di archivi e musei delle tante aziende italiane che raccontano la storia del nostro paese attraverso i loro prodotti. Molte le eccellenze, i marchi celebri in tutto il mondo, le tecnologie e le innovazioni, che compongono, insieme alle storie di chi ha avviato e lavorato in queste aziende, il nostro patrimonio industriale. A Torino una rassegna di spot e short pubblicitari racconterà il patrimonio filmico olivettiano mentre ad Ivrea, città natale della Olivetti, i laboratori di lettura dedicati alle Scuole del Territorio e la presentazione del progetto “Facciamoci in tre“, archivi, musei e biblioteche in rete per far conoscere i patrimoni culturali presenti ad Ivrea e nel Canavese. A Roma la rassegna cinematografica “Memoria contesa/Memoria condivisa. L’industrializzazione nel Mezzogiorno: tra il nuovo e l’antico”, sette cortometraggi girati tra il 1957 e il 1969 per raccontare lo sforzo dell’industrializzazione nel Mezzogiorno negli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento. Tra questi “Sud come Nord” realizzato da Nelo Risi nel 1957 per l’Olivetti.

LA LIBRERIA ASSAGGI A ROMA
Una libreria nata nel novembre del 2010 nel quartiere storico di San Lorenzo.
Oggi, nell’ampio locale di via degli Etruschi 4, uno spazio a due piani, ristrutturato con cura, gusto  e creatività, la libreria Assaggi si propone come “una libreria scientifica, un “science bookshop” dove trovare “introvabili” saggi di scienza. Perché una libreria di questo tipo a Roma non esisteva. Non soltanto un posto dove si vendono libri: ma un luogo di incontro, di discussione, di scoperte, dove sedersi a chiacchierare e a leggere. O a giocare. Con una sua filosofia: essere aperto ad una sorta di sperimentazione nel campo, secondo lo spirito che contraddistingue la ricerca”. Gestita con passione e competenza da 10 soci, tra cui le amiche Lilli Garrone e Roberta Pochetti, ospita eventi di qualità, accogliendo gli ospiti con calore e gentilezza.
Il locale ospitava uno dei più famosi dischi di Roma: “Disfunzioni musicali” che, come molti altri negozi di dischi, hanno chiuso i battenti. Così sul web uno dei racconti di quello che per molti appassionati era uno dei templi della musica della capitale: “Disfunzioni era in effetti  l’unico negozio in cui potevi trovare certi dischi di certi gruppi indipendenti che non conoscevano neanche quelli di Mucchio Selvaggio; in cui trovavi i cd usati (ad un certo punto, intorno al ’98 aprirono addirittura un negozio intero dedicato all’usato, in via dei Marrucini. Ebbe vita breve, va da sè); un negozio in cui potevi farti una cultura musicale. Soprattutto aveva una cosa meravigliosa e per quei tempi -era il 1993- assolutamente inaudita: tre o quattro computer, ad accesso libero, in cui consultare tutto il loro catalogo

BARCELLONA: MOSTRA “QUE’ PENSAR”
L’amica Rosa Martinez, già direttrice della 51.Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, è la curatrice della mostra QUE’ PENSAR che si apre il 9 novembre 2012 presso la CaixaForum Barcelona, centro culturale creato dalla Caixa d’Estalvis i Pensions de Barcelona nell’ambito della sua fondazione culturale (Fondazione “La Caixa”).  La mostra verrà inaugurata l’8 novembre alla presenza della curatrice. INVITO MOSTRA QUÈ PENSAR.

LONDRA: “THINK TWICE” a cura di Francesco Bonami e Achim Borchardt-Hume, Whitechapel Gallery.
Dal 25 Settembre 2012 all’8 Settembre 2013 lo spazio Collection Gallery ospita la Collezione Sandretto Re Rebaudengo. La collettiva Think Twice sarà suddivisa in quattro mostre che presentano parte della collezione: “Cattelan” (25 settembre – 2 dicembre 2012), “Viral Research” (15 dicembre 2012 – 10 marzo 2013), “Love Meal” (19 marzo – 9 giugno 2013), “Have you seen me before” (18 giugno – 8 settembre 2013).

TORINO: “FOR PRESIDENT“, a cura di Mario Calabresi e Francesco Bonami.
Una mostra dedicata alle elezioni presidenziali americane, in collaborazione con la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Magnum Photos e La Stampa, Torino dal 19 Settembre 2012 al 6 Gennaio 2013.

VII FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA
Giovedì 15/11/12 ore 20:30 al Cinema Barberini di Roma, Sala 1, EBREI A ROMA di Gianfranco Pannone. Come avvicinarsi alla più antica comunità ebraica occidentale, quella di Roma? Gianfranco Pannone lo fa attraverso tre testimoni, che rappresentano altrettante generazioni. David è stato il braccio destro dell’ex Rabbino Capo Elio Toaff e, anche grazie all’attività commerciale di cui rappresenta la settima generazione, conosce molto bene la Comunità romana. Giovanni, che ha quarant’anni, ha deciso di investire sull’enogastronomia ebraica e, come molti suoi coetanei, coltiva un forte sentimento religioso, in cui il mangiare kosher è anche riscoperta identitaria. Michela, madre trentenne, fa la guida turistica nel Ghetto di Roma, dove, col suo buon inglese, conduce i turisti lungo un itinerario che unisce passato e presente. Articolo La Repubblica.

ROMA: PITIGLIANI KOLNO’A FESTIVAL
Il Centro ebraico Italiano Pitigliani
ha presentato l’edizione 2012 del PITIGLIANI KOLNO’A FESTIVAL, che si è tenuta dal 3 al 7 novembre 2012 presso la Casa del Cinema di Roma.  Nel Programma della VII Edizione del Festival del cinema israeliano e di argomento ebraico, affidato alla direzione artistica di Dan Muggia e di Ariel Piattelli, film, documentari, lungometraggi di grande qualità, opere di registi famosi, di giovani registi, di studenti e laureati delle scuole di cinema di Israele. Un risultato suggestivo, istruttivo e commovente: ricordi di persone scomparse, memorie di sopravvissuti, tradizioni antiche e moderne, contraddizioni, dolori per perdite cruente, perdoni per crimini e fatti la cui crudeltà si stenta a credere, raccontati da un paese che ogni giorno affronta una realtà che per molti di noi è difficile capire. Una produzione cinematografica che in Italia potrà godere in misura molto ridotta della grande distribuzione, ma che meriterebbe di essere diffusa in maniera ampia, per imparare e non dimenticare.  I film che sono riuscita a vedere, tutti molto interessanti: One day after peace di Miri Laufer e Erez Laufer; Sharqiya di Ami Livne; Six million and one di David Fisher; The cutoff man di Idan Hubel; Luxuries di David Ofek; The tale of Nicolai di David Ofek; The last flight of Petr Ginz di Sandy Dickson e Churchill Roberts; Footnote di Joseph Cedar.

RICHARD ROGERS E IL RESTAURO DI VERNAZZA
Giovedì 25 ottobre 2012, alle ore 11,00, presso la ex chiesa dei Frati, Lord Richard Rogers presenta il suo studio di fattibilità per il restauro di Vernazza, la perla delle Cinque Terre, devastata dall’alluvione (Cinzia Iacoangeli).

TORINO: RASSEGNA CINEMATOGRAFICA “FOR PRESIDENT”
Lunedì 22 ottobre, cinema Massimo di Torino, ore 20.30 “Tempesta su Washington” di O. Preminger (Usa 1962, 139’, v.o. sott.it.). Primo appuntamento della rassegna cinematografica “For President” in programma dal 22 al 29 ottobre. Da “Alba di gloria”, il film sulla giovinezza di Abraham Lincoln che John Ford diresse nel 1939 a “Frost/Nixon – Il duello”, del 2008, diretto da Ron Howard, rievocazione della serie di interviste all’ormai ex Presidente Richard Nixon condotte dal giornalista britannico David Frost. La rassegna copre sessant’anni di storia del cinema, arte americana per eccellenza e più di un secolo di Storia ed è ideale completamento della mostra curata da Francesco Bonami e Mario Calabresi alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
Prima del film, incontro con Patrizia Sandretto Re Rebaudengo e Mario Calabresi

ROMA: DON LUIGI DI LIEGRO, UNA MEMORIA PER LA CITTA’
Venerdì 26 ottobre alle 17, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Roma Tre, via Ostiense 159, a cura della Fondazione internazionale a lui dedicata, sarà presentata la prima biografia di don Luigi Di Liegro. Figura di rilievo della Chiesa di Roma, fu il fondatore e il primo direttore della Caritas cittadina. Tante le sue azioni svolte a sostegno dell’integrazione sociale e dell’accoglienza delle persone più svantaggiate nella nostra città. Tra le sue iniziative, ricordiamo l’apertura dell’Ostello per i senza dimora alla Stazione Termini e la casa famiglia per ammalati di Aids a Villa Glori, che suscitò reazioni contrapposte e polemiche, e che oggi è divenuta un punto di incontro per il quartiere e per tutta la città. Fra le molte associazioni che collaborano con la struttura anche AMUSE-Amici del Municipio Secondo. (Ciro Fusco). Comunicato stampa.

 

ROMA: “A TRIBUTE TO STEVE JOBS“, MAXXI, 4 ottobre 2012
Un visionario, certo. Un creatore di futuro. Ma anche un uomo dal carattere difficile, che viaggiava in aereo con difficoltà perché insofferente ai check-in e ai controlli. Un ‘homo sapiens sapiens americanus’, anzi ‘californianus’, impregnato di quella libertà così tipica di oltreoceano, con cui era bello lavorare perché faceva sentire ogni collaboratore come un aiuto fondamentale verso sfide nuove e impegnative. A un anno dalla scomparsa, al Maxxi di Roma è andato in scena “A TRIBUTE TO STEVE JOBS“, una serata-happening (INVITO al MAXXI) condotta dall’autore radiofonico e scrittore Luca Damiani, in cui giornalisti, scrittori, architetti e appassionati di informatica hanno ricordato l’uomo che ha certamente cambiato la nostra vita, mettendoci nelle mani strumenti informatici agilissimi, di bellissimo design funzionale. Ideata come un format televisivo, con lo scorrere sullo schermo delle immagini dell’inventore di Cupertino, le sue creazioni in mostra  (dal mitico Apple I all’ultima versione dell’Iphone) e il turnover degli ospiti in platea, la serata è stata nel complesso piacevole, con alcuni interventi interessanti e altri decisamente fuori tono. Per dire, un brillante Carlo Massarini ha ricostruito la sua biografia, riassunta dal motto ‘be different’, segnata da vittorie esaltanti e sconfitte brucianti, come la cacciata dall’azienda da lui stesso fondata, vissuta però come una chance da cui rialzarsi e ripartire. “E’ amato perché ha saputo dare forma ai sogni e perché è stato un uomo completo: creatore, inventore, venditore”. Mentre l’intervento del presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti si è risolto in un autospot degli ‘hot spot’ realizzati dall’Amministrazione provinciale, riuscendo peraltro nell’impresa di non citare neanche una volta il nome di Steve Jobs…   Citatissimo, invece, anche il confronto con Adriano Olivetti e con la sua lungimiranza creativa e industriale. Peccato però che non sia stato mostrato l’ottimo lavoro fatto un anno fa da Daniele Cini per ‘Correva l’anno’ su Rai Tre dedicato alle vite parallele di questi due grandi realizzatori di futuro. (Ciro Fusco)

VENEZIA: riapre il CINEMA ROSSINI
Esultiamo alla notizia dell’apertura di un complesso di tre sale cinematografiche, ad avanzatissima tecnologia, nel cuore di una città (San Marco 3988, Tel 041 5230322)famosa anche per il suo Festival del cinema e che di cinema però fino a oggi, ne ha contato uno solo, il cineclub Giorgione (oltre al Dante di Mestre e all’Astra del Lido). Roberto Ellero, che guida la direzione cultura del Comune di Venezia, colto cinefilo e che da anni si occupa con grande passione del piccolo cineclub, gestirà anche la programmazione del Rossini che inaugura oggi e che domani inviterà i cittadini  a partecipare all’avvio della programmazione con una maratona di film dedicati alla vocazione cinematografica di Venezia. (Cinzia Iacoangeli)

YAN PEI-MING: “Painting the History”
October 12, 2012 to Jan. 12, 2013, QMA Gallery, Building 10,
Katara Cultural Village, Doha, Qatar.
Exhibition Curator: Francesco Bonami, Exhibition Organizer: Jean-Paul Engelen, Head of Public Art, Qatar Museums Authority, Images/ Info Courtesy: Qatar Museums Authority.

ROMA: “THE JULIE PROJECT”
Mostra fotografica diDarcy Padilla, dal 29 settembre al 2 novembre 2012, presso la galleria 10b photography, Via San Lorenzo da Brindisi 10b – Roma.

ROMA FARMER’S MARKET
Mercato ex Mattatoio, 
Largo Giovanni Battista Marzi, tutti i sabati e le domeniche 9,00-19,00: un ambiente allegro e variegato, anche un po’ modaiolo, con un tocco in più rispetto ai mercati di quartiere, dove fare la spesa è un vero divertimento.
MILANO: GREEN CITY ITALIA
Quinto appuntamento delle Letture Verdi: lunedì 1 ottobre alle ore 18.30presso Armani Libri, in via Manzoni 31, Milano. Green City Italia, in collaborazione con EN Space, presenta “Architettura Naturale” di Alessandro Rocca, edito da 22 Publishing. Alessandra Coppa ne discuterà con l’autore Alessandro Rocca e con il Presidente Andreas Kipar (Invito).

HELLO DADDY, di Claudio Rossi Marcelli
Un libro divertente, ben scritto, intelligente e garbato. Claudio è il figlio dell’amico Pietro, conosciuto attraverso AMUSE. Claudio vive in Svizzera e racconta, con grande intelligenzia e ironia, la sua “impresa”: diventare padre, insieme al marito Manlio, di due magnifiche bambine e di un maschietto. E così, intervallando il racconto di questa avventura con dei twitter colti e pieni di umorismo, ci racconta la sua esperienza fino ai giorni nostri, suscitando ammirazione e commozione per la sua famiglia così poco tradizionale(Pubblico giornale, 20 settembre 2012, Hello Daddy).

ROMA: “PORTUS”
Mostra dell’artista
Marie-Laure van Hissenhoven (www.mlvh.net) dal 18 settembre al 31 ottobre 2012, Academia Belgica, Via Omero 81, Roma. L’intensa attività del porto, osservata e dipinta dall’artista nata a Bruxelles e trasferatisi a Genova dopo la maturità. Diplomata in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara.

STREETART@LADISPOLI - l´arte in strada
Sabato 22 settembre 2012 musica, danza e teatro a spasso in città, contro il logorio d’ogni tempo. Alle ore 20.30 nei giardini dell’Hotel Villa Margarita, Via Duca degli Abruzzi 147, Ladispoli: TEMPERAMENTI TEATRO presenta “Quinte armate”, testo e regia MARCO SOLARI, musica originale PIERGIORGIO FARAGLIA, registrazioni voce Paolo Modugno/Oasi Studio e Ten People Town, con Marco Solari e Piergiorgio Faraglia.

JURGEN TELLER-The Girl With The Broken a cura di Francesco Bonami.
La prima personale italiana del celebre fashion photographer. Provocatorio e geniale, Juergen Teller ha firmato numerosi servizi di moda immortalando star della passerella come Kate Moss e Mariacarla Boscono. In esposizione opere di grande formato, immagini, libri e appunti visivi, che raccontano la carriera dell’artista tedesco, iniziata alla metà degli anni Novanta
Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12, dal 21 settembre al 4 novembre 2012, ingresso gratuito. 
 
“LA CHIESA NEL MONDO-50 ANNI DAL CONCILIO” di Luigi Accattoli e Nicola Vicenti con il contributo di Padre Federico Lombardi e la consulenza di Ciro Fusco. In onda il 4 ottobre 2012 su RAI 3 per il ciclo della Grande Storia, a cura di Luigi Bizzarri.
 
 
OLIVETTI E LE NEOAVANGUARDIE CINETICHE: arte, design e tecnologia nel negozio Olivetti progettato da Carlo Scarpa, Venezia, fino al 14 ottobre 2012 (www.fondoambiente.it).
 
 
 


ADRIANO
OLIVETTI E STEVE JOBS-LA PASSIONE PER IL FUTURO di Daniele CiniCorreva L’Anno“, 11 settembre 2012, alle 23.55 su Rai3, propone le biografie di un italiano e di un americano, due personalita’ che hanno segnato la storia recente. Un’ intervista con l’ing.Carlo De Benedetti, ex presidente della Olivetti e presidente del Gruppo editoriale L’Espresso, aiutera’ a capire meglio il percorso umano e professionale di Adriano Olivetti e quali siano le somiglianze e le affinita’ con Steve Jobs. Nella puntata la biografia del genio di Cupertino: la realizzazione del primo personal computer, i fallimenti, i successi dell’i-pod e dell’i-phone. Fino a quando, nel 2010, Jobs, minato ma non vinto dalla grave malattia, presenta con orgoglio la sua ultima creazione, l’i-pad. Chiude la puntata l’editoriale di Paolo Mieli.

VENEZIA: LE QUATTRO STAGIONI – Architetture del Made in Italy da Adriano Olivetti alla Green Economy a cura di Luca Zevi
L’opera, le idee e i principi di Adriano Olivetti protagonisti, nel Padiglione Italia, della 13a Mostra Internazionale di Architettura: Venezia, T
ese delle Vergini all’Arsenale dal 29 agosto al 25 novembre 2012. 

ROMA: IL PARCO DELLA PACE
Un’ampia area alla periferia di Roma (tra via della Pisana e via della Stallonara) sottratta al degrado e all’incuria e restituita ai cittadini attraverso un accurato e impegnativo intervento di recupero commissionato nel 2000 dalla Presidenza del Consiglio Regionale del Lazio. Il Parco, realizzato sotto la direzione dell’artista Ettore de Conciilis, noto a livello internazionale per le sue opere dall’alto valore sociale e morale, è ispirato ai temi della convivenza tra religioni diverse, della pace tra i popoli e tra le nazioni, dell’armonia tra l’uomo e la natura.

 

8 thoughts on “UN’APE IN CITTA’

  1. Gentile Signora,

    vorrei ringraziarla per avere segnalato, grazie a Cristiana Alatri, la mia mostra di pittura, “Portus” che si svolge all’Academia Belgica.
    sul suo sito.

    Cordiali saluti,

    Marie-Laure van Hissenhoven

  2. Olivetti è stata una figura centrale nella mia vita. Ho passato i miei primi tre anni a Ivrea dove mio padre lavorava a stretto contatto con Adriano. Malgrado la giovane età ho dei ricordi splendidi dell’asilo dei dipendenti, delle case , dei giardini e soprattutto del clima e della serenità di mio padre che non è mai più stata la stessa dopo la morte di Adriano. Ora se ne riparla spesso, bellissimo il documentario di Cini. Lo stesso Steve Jobs di cui curo la serata in suo onore domani al MAXXI, aveva la Olivetti come modello. Un’eccellenza che oggi sembra una pura chimera. Grazie per ricordarcelo nel tuo sito… Alessandra

Lascia un Commento