Caserta

Venerdì 20 aprile 2012. La Reggia di Caserta è un luogo fuori dal comune, una destinazione turistica da non perdere ma che sicuramente meriterebbe più servizi di visita per turisti e visitatori, un bookshop ben fornito con oggetti ispirati al magnifico giardino inglese, un sito ufficiale con contenuti meno burocratici. A Santa Maria Capua Vetere l‘Anfiteatro campano (o capuano) è secondo solo al Colosseo: una cavea per 40.000 spettatori, un bellissimo Museo dei Gladiatori, un’accoglienza simpatica e familiare ma solo in italiano. Un biglietto che costa solo 2,5 euro (meno di un Crodino), pochi i visitatori, un piccolo pieghevole realizzato dall’Archeoclub e dall’Ufficio Archeologico di Santa Maria Capua Vetere per raccontare un sito archeologico quasi unico al mondo, come il sublime Mitreo, scoperto nel 1922 con gli scavi per le fognature, difficile da trovare come in una caccia al tesoro! Forse si potrebbe fare meglio e di più?
Luoghi da visitare/indirizzi da frequentare: il borgo medievale di Casertavecchia ai piedi dei Monti Tifatini; il Complesso monumentale del Belvedere di San Leucio, costruito nella seconda metà del ’700 per volere di Ferdinando IV di Borbone. Nato come piccolo nucleo urbano rappresentativo di una città ideale (Ferdinandopoli), dichiarato Real Colonia nel 1789, divenne sede manifatturiera per la produzione di seta pregiata nota in tutto il mondo; la Basilica di Sant’Angelo in Formis con un prezioso ciclo di affreschi con scene tratte dall’Antico e Nuovo Testamento.
Un locale accogliente e un menù di qualità al ristorante Il Borghetto Antico.

 

One thought on “Caserta

  1. Per me che vengo da un paese pieno di castelli belli (castelli di Re Ludovico) la giornata alla reggia di Caserta è stata uno spettacolo.
    Abbiamo raggiunto il castello con i mezzi ed è stato molto facile.
    La stazione è davanti al castello. Così si risparmiano stress e spese.
    Per me era sensazionale soprattutto lo splendido parco.
    Questo bellissimo viale con le piscine e le cascate per chilometri può competere con Versailles.
    Alla fine mi aspettava nascosto un parco inglese idilliaco.
    L’Italia ha tanto da darci! Olga

Lascia un Commento